Rughe viso 

Cosa sono le rughe

Se consideriamo fattori come il trascorrere del tempo, l’esposizione alla luce solare, l’idratazione e l’alimentazione il punto che li accomuna (e al quale contribuiscono) è il processo di “aging”.

L’invecchiamento cutaneo ha come set d’azione quello dermico, in cui si ha una progressiva diminuzione del metabolismo dei fibroblasti che si traduce in una diminuzione della quantità delle componenti caratterizzanti il derma: acido ialuronico, collagene ed elastina.

Venendo meno questi elementi fondamentali e costituenti la trama dermica, vengono altresì meno le fondamenta per l’epidermide sovrastante: è a questo livello che abbiamo un segno tangibile della condizione dermica che si manifesta nella formazione di segni minori o maggiori comunemente chiamati rughe.

Dove si formano le rughe

La zona maggiormente interessata dalla formazione delle rughe è quella del volto in cui le possiamo classificare in due grandi categorie:

  • Rughe statiche, dovute a cedimento della matrice dermica e presenti in assenza di mimica;
  • Rughe dinamiche, che si palesano con la mimica (successivamente sulla dinamica subentra una statica)

Le rughe più conosciute a livello del volto sono:

  • Rughe frontali;
  • Rughe glabellari (del pensatore o del miope);
  • Rughe cantali (zampe di gallina);
  • Rughe naso geniene o naso labiali;
  • Rughe glifiche;
  • Rughe periorali (codice a barre);
  • Rughe mento labiali (della marionetta);
  • Rughe solco mentoniero;

Rughe frontali

Le rughe frontali sono segni tipicamente dinamici dovuti alla contrazione del muscolo occipito-frontale che determina la corrugazione della fronte e il sollevamento delle sopracciglia.

In età giovanile la loro comparsa è strettamente legata alla mimica sottostante ma con il passare del tempo subentra un segno di usura della zona sottoforma di ruga statica.

Come eliminare le rughe frontali

Ad oggi il trattamento d’elezione per le rughe frontali rimane la neurotossina botulinica (botox) che determina una chemoparalisi del gruppo muscolare la cui inattivazione consente una distensione e e rilassamento della zona cutanea relativa.

Un’alternativa (o in complementarietà), in caso di segni di lieve o media entità, è rappresentata dai filler biologici riassorbibili o la tecnica del needling.

Rughe glabellari

Così come le rughe frontali anche le rughe glabellari sono segni legati all’espressione e determinate dalla contrazione dei muscoli procero e corrugatori del sopracciglio nella zona delle glabella da cui il nome.

Come eliminare le rughe glabellari

Anche in questo caso il ricorso alla neurotossina botulinica (botox) rappresenta il trattamento primario che non esclude come intervento complementare l’utilizzo di filler biologici riassorbibili o tecnica di needling.

Rughe perioculari

Le rughe tipicamente perioculari sono le rughe cantali meglio conosciute come “zampe di gallina”. Sono determinate dalla contrazione del muscolo orbicolare dell’occhio con la collaborazione dei muscoli grande e piccolo zigomatico.

Come eliminare le rughe perioculari

Rispondono in maniera positiva alla neurotossina botulinica (botox) e al needling

Rughe nasogeniene

Conosciute anche come rughe nasolabiali, le rughe nasogeniene vedono il loro sviluppo dalla cartilagine alare del naso fino al margine del labbro inferiore. Sono dovute principalmente alla contrazione dei muscoli:

  • grande e piccolo zigomatico;
  • orbicolare della bocca;
  • buccinatore;
  • canino;
  • risorio;

Vengono esacerbate dalla masticazione preferenziale ad una delle due emiarcate dentali o dal fatto di appoggiarvisi sopra durante il sonno.

Come eliminare le rughe nasogeniene

Il trattamento d’elezione è rappresentato dall’utilizzo di filler biologici riassorbibili o semipermanenti; in alternativa o complementarietà troviamo la tecnica del needling, i fili di biostimolazione o di trazione.

Rughe periorali

Le rughe periorali sono principalmente determinate alla contrazione dei seguenti muscoli:

  • grande e piccolo zigomatico;
  • elevatore del labbro superiore;
  • depressore del labbro inferiore;
  • canino;
  • buccinatore;
  • orbicolare della bocca;
  • mentale

Non è solo una mimica accentuata di questi muscoli a segnare la zona periorale ma anche il tabagismo (da qui l’appellativo di “smoker lines” e “codice a barre”).

Come eliminare le rughe periorali

Sono attenuate in maniera decisa dalla tecnica del needling e in caso di solchi maggiori si interviene con filler biologici riassorbibili.

Come prevenire le rughe viso

La prevenzione delle rughe del viso può essere considerata da vari punti di vista.

Un corretto stile di vita, in termini di alimentazione, idratazione, astensione da fumo e alcol, una corretta attività fisica ed esposizione ai raggi solari sicuramente contribuiscono a contrastare il fisiologico processo di aging.

Fondamentale risulta essere una quotidiana ed adeguata cura della cute senza eccedere in trattamenti aggressivi e che non rispettino la giusta frequenza, utilizzando i prodotti adatti alla propria tipologia e relativa sensibilità cutanea.

L’utilizzo della neurotossina botulinica (botox), del needling e dei peeling chimici è ampiamente sostenuto in ambito medico-estetico anche come forma preventiva con il fine di fermare sul nascere o rivitalizzare zone che iniziano a manifestare i primi segni minori.