Che cos’è un cosmetico

Che cos’è un cosmetico?

Il Regolamento sui cosmetici definisce il cosmetico come “qualsiasi sostanza o miscela destinata ad essere applicata sulle superfici esterne del corpo umano (epidermide, sistema pilifero e capelli, unghie, labbra, organi genitali esterni) oppure sui denti e sulle mucose della bocca allo scopo esclusivamente o prevalentemente di pulirli, profumarli, modificarne l’aspetto, proteggerli, mantenerli in buono stato o correggere gli odori corporei.”

Da questa definizione si intende chiaramente che i cosmetici NON POSSONO ESSERE UTILIZZATI A FINI TERAPEUTICI O PREVENTIVI.

Dal punto di vista legislativo si fa riferimento alla legge 1223/2009 del 22 Dicembre con cui sulla Gazzetta Ufficiale si presenta il nuovo regolamento sui cosmetici al fine di adeguarsi a quelle che erano le normative europee (76/768 e successive modifiche) già in vigore.

Tale legge ha avuto applicazione effettiva a partire dal 11 Luglio 2013 e si ricordano in particolare gli articoli:

  • 2, set di definizioni per immissione e messa a disposizione sul mercato;
  • 10, riguardante le informazioni che devono essere contenute nella valutazione della sicurezza del prodotto cosmetico (“i prodotti cosmetici messi a disposizione sul mercato devono essere sicuri per la salute umana se utilizzati in condizioni d’uso normali o ragionevolmente prevedibili”);
  • 15, gestione delle sostanze CMR 1,2,3;
  • 16, presenza di nanomateriali che devono comparire negli ingredienti e regolamentazione dell’etichettatura e sorveglianza sul mercato.

Classificazione dei prodotti cosmetici

  • detergenti, come saponi, creme o latti detergenti con finalità prettamente igieniche;
  • emollienti, come pomate a base di olio di mandorla o lanolina per risolvere stati irritativi;
  • brillantine, per fissare l’ondulazione del capello;
  • coloranti, come rossetti, smalti, ciprie, tinte;
  • depilatori;
  • creme rassodanti o ad azione tonificante ed idratanti.

Prodotti cosmetici, come sono formulati

Le formulazioni base sono composte da:

  • tensioattivi, che consentono di avere una minor tensione superficiale del liquido e una maggiore bagnabilità (nei prodotti per la detersione);
  • emulsionanti o stabilizzanti (come acqua o oli);
  • lipidi;
  • additivi reologici e filmogeni, utilizzati nei gel per rendere il prodotto della giusta consistenza al fine dell’utilizzo dello stesso;
  • umettante, per fissare l’acqua nella pelle al fine di ammorbidirla e lisciarla (nelle creme idratanti e lenitive);
  • antiossidanti e sequestranti, i primi prevengono che gli olii si ossidino mentre i secondi proteggono dall’ossidazione causata dai metalli pesanti;
  • conservanti ed antimicrobici;
  • colori e pigmenti, naturali o sintetici, organici o inorganici (ossidi e Sali bianchi e colorati presenti nei make-up);
  • sostanze ausiliari come acqua e alcoli per completare la formulazione;

Dispositivo medico: cos’è un dispositivo medico

Definizione di dispositivo medico contenuta nel decreto legislativo n. 46 del 1997, generalità dei dispositivi diversi dalle due categorie che hanno una regolamentazione specifica (impiantabili attivi e diagnostici in vitro):

Un dispositivo medico può essere:

  • uno strumento
  • un apparecchio
  • un impianto
  • una sostanza o altro prodotto

utilizzato da solo o in combinazione, compreso il software informatico impiegato per il corretto funzionamento, e destinato dal fabbricante ad essere impiegato nell’uomo a scopo di:

  • diagnosi, prevenzione, controllo, terapia, o attenuazione di una malattia;
  • diagnosi, controllo, terapia, attenuazione o compensazione di una ferita o di un handicap;
  • studio, sostituzione o modifica dell’anatomia o di un processo fisiologico;
  • intervento sul concepimento purchè non eserciti l’azione principale nel o sul corpo umano, cui è destinato, con mezzi farmacologici o immunologici, né mediante processo metabolico, ma la cui funzione possa essere coadiuvata da tali mezzi.

Dispositivi medici classificazione

I dispositivi medici disciplinati dal decreto legislativo n. 46 del 1997 (cioè tutti quelli che non sono né impiantabili attivi, né diagnostici in vitro) sono suddivisi in quattro classi (classe I, IIa, IIb e III), secondo le regole di classificazione specificate nell’allegato IX dello stesso decreto.

I dispositivi di classe I (non attivi e non invasivi), sono quelli che presentano minori rischi sotto il profilo della sicurezza, i dispositivi di classe III, sono quelli di maggiore criticità (la maggior parte dei dispositivi impiantabili, quelli contenenti farmaci o derivati animali e alcuni dispositivi che interagiscono sulle funzioni di organi vitali).

Tale classificazione si basa su criteri di:

  • invasività del dispositivo;
  • durata del contatto con il corpo;
  • sede anatomica su cui incide il dispositivo medico;
  • dipendenza da una fonte di energia.

Il farmaco cos’è

Per definizione trattasi di una sostanza esogena, organica o inorganica, naturale o sintetica, in grado di indurre modificazioni funzionali in un organismo sia positivamente che negativamente con azione fisica, chimica o chimico-fisica a scopo terapeutico. Lo scopo del farmaco è quello di correggere, modificare o ripristinare funzioni fisiologiche e può essere messo in commercio solo se possiede criteri di:

  • sicurezza;
  • qualità;
  • efficacia.

I farmaci sono classificati in tre categorie:

  • OTC (over the counter) o farmaci da banco o automedicazione;
  • SOP (senza obbligo di prescrizione) dispensabili dal farmacista;
  • OP (con obbligo di prescrizione) dispensabili solo presentando la ricetta medica.

I farmaci sono suddivisi in tre fasce farmacologiche:

  • Fascia A: farmaci essenziali o per malattie croniche dispensati dal SSN (generalmente gratuiti o con un ticket minimo);
  • Fascia C: farmaci totalmente a carico del paziente (non essenziali, non salvavita);
  • Fascia H: farmaci dispensati solo a livello ospedaliero (non vendibili nelle farmacie pubbliche).

I principi attivi

Quando si parla di principio attivo si fa riferimento alla componente biochimica farmacologicamente attiva di un medicamento. Sono molecole con attività biologica ad effetto:

  • terapeutico (farmaci);
  • benefico (vitamine, probiotici);
  • tossico (veleni).

Ne devono essere descritti nel foglietto illustrativo:

  • la destinazione d’uso;
  • le modalità di somministrazione;
  • la posologia;
  • le controindicazioni;
  • gli effetti collaterali.

La sperimentazione, la commercializzazione e le modalità d’uso sono dettate dall’Agenzia Italiana del Farmaco e dalla Food and Drug Association.

Le sostanze funzionali

Con il termine sostanze funzionali si indicano gli ingredienti che si vanno ad aggiungere alle formulazioni base per caratterizzare funzionalmente il prodotto al fine di apportare un miglioramento biologico alla superficie di applicazione. Possono essere di origine vegetale, animale, minerale, sintetica o biotecnologica.

Sostanze funzionali e principi attivi, le differenze

Le sostanziali differenze tra un principio attivo e una sostanza funzionale è che

LA SOSTANZA FUNZIONALE non ha effetto terapeutico, non ha azione farmacologica e non viene impiegata a scopo preventivo; IL PRINCIPIO ATTIVO SI!

Esempi di sostanze funzionali: 

Polioli, Ceramidi, Alfa-Idrossiacidi, Acido ialuronico, Acidi grassi polinsaturi, liposomi, collagene, acido ascorbico, ecc ecc ecc

SOSTANZE FUNZIONALI VIETATE NEI PRODOTTI COSMETICI

Per un elenco completo delle sostanze vietate nei prodotti cosmetici visionare la normativa ALLEGATO II legge 1223/2009 del 30 novembre 2009 sui prodotti cosmetici PAGINA 25 : CLICCA QUI

Riassunto “ALLEGATO II ELENCO DELLE SOSTANZE IL CUI USO É VIETATO NEI PRODOTTI COSMETICI”

1 . Acetilammino-2-cloro-5 benzossazolo

2 . ss-acetossietil trimetilammonio idrossido ( Acetilcolina ) e suoi sali

3 . Deanoli aceglumas (*)

4 . Spironolactonum (*)

5 . Acido [ (idrossi-4 iodo-3 fenossi)-4 diiodo-3,5 fenil ] acetico ( 3,3′ , 5-triiodo-tiroacetico acido ) e suoi sali

6 . Methotrexatum (*)

7 . Acidum aminocaproicum (*) e suoi sali

8 . Cinchophenum (*) , suoi sali , derivati e sali dei suoi derivati

9 . Acidum thyropropicum (*) e suoi sali

10 . Acido tricloracetico

11 . Aconitum napellus L. ( foglie , radici e preparati )

12 . Aconitina ( alcaloide principale dell’Aconitum napellus L. ) e suoi sali

13 . Adonis vernalis L. e suoi preparati

14 . Epinephrinum (*)

15 . Alcaloidi dei Rauwolfia serpentina e loro sali

16 . Alcoli acetilenici , loro esteri , loro eteri ossidi e loro sali

17 . Isoprenalinum (*)

18 . Allile , isotiocianato d’

19 . Alloclamidum (*) e suoi sali

20 . Nalorphinum (*) , suoi sali e suoi eteri ossidi

21 . Ammine simpaticomimetiche che agiscono sul sistema nervoso centrale : tutte le sostanze contenute nel primo elenco di medicinali , riportato nella risoluzione A.P. ( 69 ) 2 del Consiglio d’Europa , rilasciate dietro prescrizione medica

22 . Amminobenzene , suoi sali e suoi derivati alogenati e solfonati ( Anilina )

23 . Betoxycainum (*) e suoi sali

24 . Zoxazolaminum (*)

25 . Procainamidum (*) , suoi sali e suoi derivati

26 . Amminodifenile , di-(Benzidina)

27 . Tuaminoheptanum (*) , suoi isomeri e suoi sali

28 . Octodrinum (*) e suoi sali

29 . Ammino-2 bis-(metossi-4 fenil) 1-2 etanolo e suoi sali

30 . Ammino-2 metil-4 esano e suoi sali

31 . Ammino-4 salicilico , acido e suoi sali

32 . Amminotoluene , suoi isomeri , loro sali e loro derivati alogenati e solfonati

33 . Amminoxileni , loro isomeri , loro sali e loro derivati alogenati e solfonati

34 . Imperatorine ( metil-3′ buteno-2′ xilossi ) 9 osso-7 furo ( 3,2 g ) cromo

35 . Ammi maius L. e suoi preparati

36 . Amilene cloruro ( dicloro-2,3 metil-2 butano )

37 . Androgena ( sostanze ad attività )

38 . Antracene ( olio di )

39 . Antibiotici salvo quelli nominati nell’allegato IV

40 . Antimonio e suoi composti

41 . Apocynum cannabinum L. e suoi preparati

42 . 5 , 6 , 6a , 7-Tetraidro-6-metil-4 H-dibenzo [ di , g ] chinolina-10 , 11-diol . ( Apomorfina ) e suoi sali

43 . Arsenico e suoi composti

44 . Atropa belladonna L. e suoi preparati

45 . Atropina , suoi sali e suoi derivati

46 . Bario ( sali di ) salvo il solfato di bario , le lacche a base di solfato di bario e i pigmenti preparati con coloranti indicati nell’allegato III ( parte seconda ) e nell’allegato IV ( parte seconda e parte terza ) recanti il simbolo Ba

47 . Benzene

48 . Benzimidazolone

49 . Benzo izepina e dibenzoazepina , suoi sali e derivati

50 . 2-(dimetilamino) metil-2-butanol-benzoato e suoi sali ( Amilocaina )

51 . Benzoil-trimetil-Ossipiperidina ( Benzamina ) e suoi sali

52 . Isocarboxazidum (*)

53 . Bendroflumethiazidum (*) e suoi derivati

54 . Glucinio e suoi composti

55 . Bromo elementare

56 . Bretylii tosilas (*)

57 . Carbromalum (*)

58 . Bromisovalum (*)

59 . Brompheniraminum (*) e suoi sali

60 . Benzilonii brominum (*)

61 . Tetrylammonii bromidum (*)

62 . Brucina

63 . Tetracainum (*) e suoi sali

64 . Mofebutazonum (*)

65 . Tolbutamidum (*)

66 . Carbutamidum (*)

67 . Phenylbutazonum (*)

68 . Cadmio e suoi composti

69 . Cantaris vesicatoria

70 . Cantaridina

71 . Phenprobamatum (*)

72 . Carbazolo ( derivati nitrati del )

73 . Carbonio ( solfuro di )

74 . Catalase

75 . Cefelina e suoi sali

76 . Chenopodium ambrosioides L. ( essenza )

77 . Cloralio idrato

78 . Cloro elementare

79 . Chlorpropramidum (*)

80 . Diphenoxylatum (*)

81 . Cloridrato-citrato di 2-4-diammino-azobenzene ( Crizoidina , cloridrato e citrato )

82 . Chlorzoxazonum (*)

83 . Clorodimetilammino metil pirimidina ( Crimidina )

84 . Chlorprothixenum (*) e suoi sali

85 . Clofenanidum (*)

86 . Bis-(cloroetil) metilammino-N ossido suoi sali ( Mustina N-ossido )

87 . Chlormethinum (*) e suoi sali

88 . Cyclophosphamidum (*) e suoi sali

89 . Mannomustinum (*) e suoi sali

90 . Butanilicainum (*) e suoi sali

91 . Chlormezanonum (*)

92 . Triparanolum (*)

93 . [ ( Cloro-4 fenil-2 ) acetil-2 diosso-1,3 indane ] ( Clorofacinone )

94 . Chlorphenoxaminum (*)

95 . Phenaglycodolum (*)

96 . Cloruro di etile

97 . Sali di cromo , acido cromico e suoi sali

98 . Claviceps purpurea Tul. , suoi alcaloidi e preparati

99 . Conium maculatum L. ( frutti , polvere , preparati )

100 . Glycyclamidum (*)

101 . Cobalto ( benzene sulfonato di )

102 . Colchicina , suoi sali e suoi derivati

103 . Colchicoside e suoi derivati

104 . Colchicum autumnale L. e suoi preparati

105 . Convallatossina

106 . Anamirta Cocculus L. ( frutti )

107 . Croton tiglium L. ( olio )

108 . N-(crotonoilammino-4 benzene sulfonil) N’-butilurea

109 . Curaro e curarine

110 . Curarizzanti di sintesi

111 . Cianidrico ( acido ) e suoi sali

112 . Cieloesil-1 dietilammino-3 (dietilamminometil-2 fenil)-1 propano e suoi sali

113 . Cyclomenolum (*) e suoi sali

114 . Natrii hexacyclonas (*)

115 . Hexapropymatum (*)

116 . Dextropropoxyphenum (*)

117 . 0,0′-diacetil N-allil normorfina

118 . Pipazetatum (*) e suoi sali

119 . (a , ss-1 dibromofeniletil)-5 metil-5 idantoina

120 . bis-(trimetilammonio)-1,5 pentano ( sali di ) ( per es. : Pentamethonii bromidum (*) )

121 . Azamethonii bromidum (*)

122 . Cyclarbamatum (*)

123 . Clofenotanum (*)

124 . bis(trietilammonio)-1,6 esano ( sali di ) ( per es. : Hexamethonii bromidum (*)

125 . Dicloroetano ( Cloruri di etilene )

126 . Dicloroetilene ( Cloruri di acetileno )

127 . Lysergidum (*) e suoi sali

128 . Dietilamminoetil (fenil-4′ idrossi-3′ benzoato)-2 e suoi sali

129 . Ciachocainum (*) e suoi sali

130 . Dietilammino-3 propil cinnamato

131 . Dietilnitro-4 fenil tiofosfato

132 . N , N’-bis ( 2-dietilamminoetil ) ossamido bis ( 2-clorobenzile ) ( sali di ) ( per es. : Ambenonii chloridum (*) )

133 . Methyprylonum (*) e suoi sali

134 . Digitalina e tutti gli eterossidi della digitale

135 . (Diidrossi-2 , 6 metil-4 aza-4 esil)-7 teofillina ( Xantinolo )

136 . Dioxethedrinum (*) e suoi sali

137 . Piprocurarii iodidum (*)

138 . Propyphenazonum (*)

139 . Tetrabenazinum (*) e suoi sali

140 . Captodiamum (*)

141 . Mefechlorazinum (*) e suoi sali

142 . Dimetilammina

143 . (Dimetilammino)-1 [(dimatilammino)-metil]-2 butanol-2 benzoato e suoi sali

144 . Methapyrilenum (*) e suoi sali

145 . Metamfepramonum (*) e suoi sali

146 . Amitriptylinum (*) e suoi sali

147 . Metforminum (*) e suoi sali

148 . Isosorbidi dinitras (*)

149 . Dinitrile malonico

150 . Dinitrile succinico

151 . Dinitrofenoli isomeri

152 . Inproquonum (*)

153 . Dimevamidum (*) e suoi sali

154 . Diphenylpyralinum (*) e suoi sali

155 . Sulfinpyrazonum (*)

156 . N-(4-Ammino-4-osso-3,3-difenil-butil)-N,N- diisopropil-N-metil-ammonio ( sali di ) ( per es. : isopropanidi iodidum (*) )

157 . Benactyzinum (*)

158 . Benzatropinum (*) e suoi sali

159 . Cyclizinum (*) e suoi sali

160 . Difenil-5,5 tetraidrogliossalinone-4

161 . Probenecidum (*)

162 . Disulfiramum (*)

163 . Emetina , suoi sali e suoi derivati

164 . Efedrina e suoi sali

165 . Oxanamidum (*) e suoi derivati

166 . Eserina o fisostigmina e suoi sali

167 . Esteri dell’acido p-amminobenzoico ( con gruppo ammino libero ) , salvo quello citato nell’allegato IV ( parte prima )

168 . Esteri della colina e della metilcolina e loro sali

169 . Caramiphenum (*) e suoi sali

170 . Estere dietilfosforico del para nitrofenolo

171 . Metethoheptazinum (*) e suoi sali

172 . Oxypheneridinum (*) e suoi sali

173 . Ethoheptazinum (*) e suoi sali

174 . Metheptazinum (*) e suoi sali

175 . Methylphenidatum (*) e suoi sali

176 . Doxylaminum (*) e suoi sali

177 . Tolboxanum (*)

178 . Monobenzonum (*)

179 . Parethoxycainum (*) e suoi sali

180 . Fenozolonum (*)

181 . Glutethimidum (*) e suoi sali

182 . Etilene ( ossido di )

183 . Bemegridum (*) e suoi sali

184 . Valnoctamidum (*)

185 . Haloperidolum (*)

186 . Paramethazonum (*)

187 . Fluanisonum (*)

188 . Trifluperidolum (*)

189 . Fluoresonum (*)

190 . Fluorouracilum (*)

191 . Fluoridrico ( acido ) , suoi sali , suoi composti complessi e gli idrofluoruri salvo quelli nominati nell’allegato IV ( parte prima )

192 . Furfuriltrimetilammonio ( sali di ) ( per es. : Furtrethonii iodidum (*) )

193 . Galantaminum (*)

194 . Gestagena ( sostanze ad attività ) , ad eccezione di quelle riprese nominativamente nell’allegato V

195 . Esacloro 1,2,3,4,5,6 cicloesano ( o HCH )

196 . Esacloro-1,2,3,4,10,10 epossi-6,7 ottaidro-1,4,4a,5,6,7,8,8a endo , endodimetilene-1,4 ; 8,5 naftalene ( Endrina )

197 . Esacloroetano

198 . Esacloro-1,2,3,4,10,10 esaidro-1,4,4a,5,8,8a endo-endo-dimetilene-1,4,5,8 naftalene ( Isodrina )

199 . Idrastina , idrastinina e loro sali

200 . Idrazidi e loro sali

201 . Idrazina , suoi derivati e loro sali

202 . Octamoxinum (*) e suoi sali

203 . Warfarinum (*) e suoi sali

204 . Bis-idrossi-4 cumarinil-2 acetato di etile e sali dell’acido

205 . Methocarbomolum (*)

206 . Propatylnitratum (*)

207 . Bis (idrossi-4 osso-2-2H-1-benzopiran) 3-il)-1,1 metiltio-3 propano

208 . Fenadiazolum (*)

209 . Nitroxolinum (*) e suoi sali

210 . Iosciamina , suoi sali e suoi derivati

211 . Hyoscyamus niger L. , ( foglie , semi , polveri e preparati )

212 . Pemolinum (*) e suoi sali

213 . Iodio elementare

214 . bis-(trimetilammonio)-1,10 decano ( sali di ) ( per es. : Decamethonii bromidum (*) )

215 . Ipéca Uragoga ipécacuanha Baill , e specie vicine ( radici e loro preparati )

216 . N-(isopropil-2 pentene-4 oil) urea ( Apronalide )

217 . Santonina

218 . Lobelia inflata L. e preparati

219 . Lobelinum (*) e suoi sali

220 . Acido barbiturico , suoi derivati e loro sali

221 . Mercurio e suoi composti ad accezione di quelli nominati all’allegato IV e all’allegato V

222 . Mescalina e suoi sali

223 . Poliacetaldeide ( Metaldeide )

224 . (Metossi-2 allil-4 fenossi)-2 N,N dietilacetammide e suoi sali

225 . Coumetarolum (*)

226 . Dextromethorphanum (*) e suoi sali

227 . Metilammino-2 eptano e suoi sali

228 . Isometheptenum (*) e suoi sali

229 . Mecamylaminum (*)

230 . Guaifenesinum (*)

231 . Dicoumarolum (*)

232 . Phenmetrazinum (*) , suoi derivati e suoi sali

233 . Thiamazolum (*)

234 . ( Metil-2′ metossi-2′ fenil-4′ ) diidropirano-3 , 4 cumarina ( ciclocumarolo )

235 . Carisoprodolum (*)

236 . Meprobamatum (*)

237 . Tefazolinum (*) e suoi sali

238 . Arecolina

239 . Poldini Metilsulfas (*)

240 . Hydroxyzinum (*)

241 . Naftolo ss.

242 . Naftilammine a e ¿ e loro sali

243 . a Naftil-3-idrossi-4-cumarina

244 . Naphazolinuni (*) e suoi sali

245 . Neostigmina e suoi sali ( per es. : Neostigmini bromidum (*) )

246 . Nicotina e suoi sali

247 . Nitriti di amile

248 . Nitriti metallici , salvo nitrito di sodio

249 . Nitrobenzene

250 . Nitrocresoli e loro sali alcalini

251 . Nitrofurantoinum (*)

252 . Furazolidonum (*)

253 . Nitroglicerina

254 . Acenocoumarolum (*)

255 . Nitroferricianuri alcalini ( Nitroprussiati )

256 . Nitrostilbeni , omologhi e loro derivati

257 . Noradrenalina e suoi sali

258 . Noscapinum (*) e suoi sali

259 . Guanethidinum (*) e suoi sali

260 . Estrogena ( sostanze ad attività ) , salvo quelle nominate all’allegato V

261 . Oleandrina

262 . Chlortalidonum (*)

263 . Pelletierina e suoi sali

264 . Pentacloroetano

265 . Pentaerithrityli tetranitras (*)

266 . Petrichloralum (*)

267 . Octamylaminum (*) e suoi sali

268 . Fenolo e suoi sali alcalini , tranne le èccezioni previste all’allegato III

269 . Phenacemidum (*)

270 . Difencloxazinum (*)

271 . Fenil-2 indanedione-1,3 ( Fenindione )

272 . Ethylphenacemidum (*)

273 . Phenprocoumonum (*)

274 . Fenyramidolum (*)

275 . Triamterenum (*) e suoi sali

276 . Pirofostato di tetraetile

277 . Tricresilfosfato

278 . Psilocybinum (*)

279 . Fosforo e fosfuri metallici

280 . Thalidomidum (*) e suoi sali

281 . Physostigma Venenosum Balf.

282 . Picrotossina

283 . Pilocarpina e suoi sali

284 . a -piperidil ( -2 ) benzil acetato forma L. treolevogiro ( Levofacetoperano ) e suoi sali

285 . Pipradrolum (*) e suoi sali

286 . Azacylonolum (*) e suoi sali

287 . Phetamiverinum (*)

288 . Butopiprinum (*) e suoi sali

289 . Piombo ( composti , salvo quello nominato nell’allegato V )

290 . Conina

291 . Prunus laurocerasus L. ( acqua distillata di lauroceraso )

292 . Metyraponum (*)

293 . Sostanze radioattive (2)

294 . Juniperus sabina L. ( foglie , oli essenziali e preparati )

295 . Scopolamina , suoi sali e suoi derivati

296 . Sali di oro

297 . Selenio e suoi composti

298 . Solanum nigrum L. e suoi preparati

299 . Sparteina e suoi sali

300 . Glucocorticoidi

301 . Datura stramonium L. e suoi preparati

302 . Strofantine , loro genine ( Strofantidina ) e rispettivi derivati

303 . Strofanto ( specie ) e loro preparati

304 . Stricnina e suoi sali

305 . Strychnos ( specie ) e loro preparati

306 . Stupefacenti : ogni sostanza elencata nelle tabelle I e II della Convenzione unica sugli stupefacenti firmata a New York il 30 marzo 1961

307 . Sulfonammidi ( para-ammino benzen-sulfonammide e suoi derivati ottenuti per sostituzione di uno o più atomi di idrogeno legati a un atomo di azoto ) e loro sali

308 . Sultiamum (*)

309 . Neodimio e suoi sali

310 . Thiotepum (*)

311 . Pilocarpus jaborandi Holmes e suoi preparati

312 . Tellurio e suoi composti

313 . Xylometazolinum (*) e suoi sali

314 . Tetracloroetilene

315 . Tetracloruro di carbonio

316 . Tetrafosfato di esaetile

317 . Tallio e suoi composti

318 . Glicosidi estratti dal tevetis neriifolia Juss

319 . Ethionamidum (*)

320 . Phenothiazinum (*) e suoi composti

321 . Tiurea e suoi derivati , salvo quelli nominati nell’allegato IV ( parte prima )

322 . Mephenesinum (*) e suoi esteri

323 . Vaccini , tossine o sieri riportati nell’allegato della seconda direttiva del Consiglio , del 20 maggio 1975 , concernente il ravvicinamento delle disposizioni legislative , regolamentari ed amministrative relative alle specialità medicinali ( GU n. L 147 del 9 . 6 . 1975 , pag. 13 )

324 . Tranylcyprominum (*) e suoi sali

325 . Tricloronitrometano

326 . Tribomo-etanolo ( alcole tribromo-etilico )

327 . Trichlormethinum (*) e suoi sali

328 . Tretaminum (*)

329 . Gallamini triethiodidum (*)

330 . Urginea Scilla Stern e suoi preparati

331 . Veratrina e suoi sali

332 . Schoenocaulon officinale Lind , suoi semi e suoi preparati

333 . Veratrum album L. rizomi e preparati

334 . Cloruro di vinile monomero

335 . Ergocalciferolum (*) + Cholecalciferolo ( vitamina D2 + D3 )

336 . Xantati esteri detrocarbonei e alchilxantati alcalini

337 . Yohimbina e suoi sali

338 . Dimethili sulfoxidum (*)

339 . Diphenhydraminum (*) e suoi sali

340 . p-butil terz.-fenol

341 . p-butil terz.-pinocatecol

342 . Dihydrotachysterolum (*)

343 . Diossano ( 1,4 dietilene diossido )

344 . Morfolina e suoi sali

345 . Piretro album L. e suoi preparati

346 . Maleato di pirianisamina

347 . Tripelennaminum (*)

348 . Tetraclorosalicilanilidi

349 . Diclorosalicilanilidi

350 . Tetrabromosalicilanilidi

351 . Dibromosalicilanilidi ( per es. : Metabromsalanum (*) e Dibromsalanum (*) )

352 . Bithionolum (*)

353 . Monosulfuri tiouramici

354 . Disulfuri tiouramici

355 . Dimetileformamide

356 . Acetone benzilidene

357 . Benzoati di coniferile , salvo tenori normali nelle essenze naturali utilizzate

358 . Furocumarine ( per es. : Trioxysalenum (*) e metossi-8 psoralene ) , salvo tenori normali nelle essenze naturali utilizzate

359 . Oli di semi di Laurus nobilis L.

360 . Olio di Sassafras officinale Nees contenente safrolo

361 . Iodotimolo .

Esempi di Principi attivi:

Acuni tra i principi attivi più famosi sono: acido acetilsalicilico, terpeni, morfina, nicotina, digossina ecc ecc ecc