RADIOFREQUENZA, ANCHE D’ESTATE!

Radiofrequenza: cos’è e come funziona ?

Che cos’è la radiofrequenza? La radiofrequenza è una procedura estetica e medica che si basa sullo sprigionamento di onde elettromagnetiche che, agitando le cellule, creano calore. Tutti i dispositivi per radiofrequenza sono muniti di manipoli che, utilizzati sulla zona da trattare, creano appunto campi elettromagnetici.

Nella zona specifica da trattare, questo apporto di calore, attiva processi di rigenerazione cutanea: vengono riallineate e ridistribuite le due fibre strutturali dermiche (collagene ed elastina), con un immediato effetto tensore. Non solo: abbinando specifiche sostanze funzionali, scelti a seconda dell’inestetismo da trattare, i campi elettromagnetici generati, ne consentono la veicolazione fino agli strati più profondi del derma.

In quest’ottica, è possibile quindi intervenire con la radiofrequenza in una molteplicità di inestetismi sia viso che corpo, veicolando il giusto attivo funzionale o la giusta combinazione di sostanze funzionali:

Ricordiamo che la radiofrequenza estetica non è una procedura dolorosa ne fastidiosa e non ha particolari controindicazioni, ad ogni modo non è possibile praticarla su donne in gravidanza o portatori di pacemaker. 

Differenti tipologie di Radiofrequenza

In commercio è possibile trovare diverse tipologie di radiofrequenze, differenti per principio di azione, metodica di utilizzo ed efficacia del trattamento. Fra queste, le più rilevanti sono:

  • Radiofrequenze unipolari o monopolari: vantano di una piastra “neutra” posta a contatto con la pelle e di un manipolo che viene passato sulla zona da trattare. Le onde elettromagnetiche create, passano così continuamente dal manipolo alla piastra neutra, generando calore e veicolando i attivi funzionali fino al derma profondo;
  • Radiofrequenze bipolari: sono sprovviste di piastra “neutra” in quanto il passaggio delle onde elettromagnetiche, con conseguente generazione di calore e veicolazione, avviene fra due elettrodi (chiamati poli) posti a contatto con la pelle. Con ciò, il campo d’intervento risulta esser superficiale, apportando benefici estetici più visivi che di struttura;
  • Radiofrequenze frazionate o frazionali: in questa tipologia di radiofrequenza, le scariche elettromagnetiche generano calore che producono dei micro fori  livello degli strati più superficiali della pelle (procedura analoga al laser ma meno invasiva). Si esercita quindi un’esfoliazione superficiale, ma meno invasiva in termini di post trattamento di un laser o peeling chimico.

Trattamenti di radiofrequenza frazionata vanno interrotti durante i mesi estivi, mentre sono consigliati i trattamenti con radiofrequenza monopolari e bipolari, in quanto preservano l’integrità dello strato corneo.

Estate: trattamenti estetici e medico estetici sì e no!

Le elevate temperature, raggi UVB ed UVA, i venti secchi e i ritmi di vita più sostenuti, rappresentano fattori di stress, tali da determinare quali siano i trattamenti estetici e medico estetici da sospendere e non sospendere con l’arrivo della bella stagione.

Essendo la nostra pelle sottoposta a questi fattori di stress, sono da evitare tutte quelle procedure estetiche e medico estetiche che prevedano l’impiego di metodiche e sostanze funzionali fotosensibilizzanti, che lasciano lo strato corneo dell’epidermide (strato più superficiale della pelle) sensibile, fragile ed assottigliato. Quindi, la raccomandazione è quella di sospendere tutte quelle procedure che interessano principalmente lo strato più superficiale della pelle.

In quest’ottica, sono quindi da evitare laser, needling e trattamenti ablativi. Anche i peeling rappresentano una categoria di trattamento da sospendere, anche se in commercio è possibile trovare caustici con componenti non fotosensibilizzanti, come ad esempio i peeling all’acido mandelico (per questo motivo noto anche come peeling dell’estate).

Ricapitolando quindi i trattamenti estetici e medico estetici possibili in estate consigliabili sono: radiofrequenza, elettroporazione, tecniche di mesoterapia iniettiva, biorivitalizzanti, filler e tutte le altre metodiche che esercitino la propria azione a livello intradermico, eludendo o interessando minimamente lo strato corneo.

Fra questi quindi, la radiofrequenza risulta esser una delle tipologie di trattamento consentite in estate.

Scopri tutta la linea di sostanze funzionali viso e corpo veicolabili con qualsiasi tipologia di radiofrequenza