Labbra anatomia

Le labbra, definite con i nomi labbro superiore e labbro inferiore, contribuiscono ad azioni quotidiane come l’assunzione del cibo, l’articolazione di suoni e parole e alla mimica facciale.

Le labbra comprendono zone di cute, zone cutaneo-mucosali e zone di mucosa (tonache mucosa e sottomucosa); oltre ai muscoli che su di loro agiscono, è da ricordare anche la presenza di strutture come le ghiandole sebacee e sudoripare e follicoli piliferi.

Sia il labbro superiore che il labbro inferiore sono suddivisi in tre parti: parte cutanea o mucosa secca, orlo rosa o linea rosa, parte mucosa o mucosa bagnata.

  • La mucosa secca corrisponde alla superficie anteriore del labbro o vermiglio: il suo epitelio è cheratinizzato, vi è la presenza di numerose ghiandole sebacee e sudoripare e le papille della sottomucosa hanno un’altezza modesta.
  • La mucosa bagnata corrisponde al margine dorsale del labbro: l’epitelio è di tipo molle, non sono presenti né ghiandole sebacee né sudoripare, le papille hanno un’altezza decisamente maggiore rispetto alla parte cutanea.
  • L’orlo rosa o linea rossa infine può essere considerato come una parte di transizione fra la parte mucosa e quella cutanea. Presenta infatti caratteristiche intermedie, quali l’altezza delle papille, un epitelio para-cheratinizzato, e la presenza di rare ghiandole sebacee, ma non di sudoripare.

Muscolatura della labbra

Le azioni maggiori in cui le labbra intervengono sono l’articolazione dei suoni, delle parole e la mimica facciale. In questo vengono supportate da una serie di muscoli che sono:

  • muscolo grande zigomatico (contrazione supero-laterale del labbro superiore);
  • muscolo piccolo zigomatico (eleva il labbro superiore);
  • muscolo quadrato del labbo superiore (solleva e alza la commessura orale);
  • muscolo quadrato del labbro inferiore (deprime infero-lateralmente);
  • muscolo depressore dell’angolo della bocca (deprime l’angolo infero-lateralmente);
  • muscolo orbicolare della bocca (comprime e protrude);
  • muscolo risorio (ritrae l’angolo della bocca);
  • muscolo mentale (eleva e protrude il labbro inferiore);

I nervi motori provengono dal nervo facciale; quelli sensitivi sono forniti dal sottorbitario, dal mentoniero e dal buccinatorio.

La vascolarizzazione è fornita dalle arterie labiali, sottomentoniera, infraorbitale, buccinatoria, mentoniera e traversa della faccia. Le vene sono tributarie della facciale anteriore e della sottomentoniera.

Labbro superiore

La parte cutanea del labbro superiore inizia in un punto definito columella, ovvero al terminare della cartilagine settale del naso e termina su quello che viene definito bordo del vermiglio superiore o linea bianca. È caratterizzata dalla presenza di una struttura di derivazione embrionale definita philtrum, il quale è compreso tra due creste o colonne. A questo livello sono presenti ghiandole sudoripare, sebacee e follicoli piliferi.

Il bordo del vermiglio superiormente e nella sua porzione centrale è caratterizzato da una tipica forma che prende il nome di arco cupido (una concavità compresa tra due cuspidi) che risulta essere particolarmente evidenziato nel genere femminile.

Subito al di sotto, troviamo la porzione cutaneo-mucosale o anteriore o mucosa secca del corpo del labbro ovvero il vermiglio (non presenta ghiandole sudoripare e sebacee ma nemmeno salivari), una zona di transito tra la cute e la mucosa in cui si evidenziano tre punti di maggior consistenza che prendono il nome di tubercoli labiali.

A completare il quadro troviamo caudalmente la parte mucosale o dorsale o mucosa bagnata del corpo del labbro caratterizzata dalla presenza di ghiandole salivari, nervi e vasi sanguigni. Nella porzione più interna e centrale è presente il frenulo gengivale superiore, una porzione di tessuto mucosale che connette la mucosa gengivale superiore a quella del labbro superiore.

Labbro inferiore

La parte cutanea del labbro inferiore è compresa tra il solco mento-labiale e il bordo del vermiglio inferiore e presenta le medesime caratteristiche istologiche dell’analoga porzione superiore.

Il bordo del vermiglio inferiore ha una tipica forma semilunare che può essere più o meno accentuata nei singoli individui.

Così come nel labbro superiore il corpo dell’inferiore è caratterizzato da una porzione cutaneo-mucosale anteriore e una propriamente mucosale posteriore al centro della quale troviamo il frenulo gengivale posteriore.

Disegno labbra

Disegno labbra

Disegno labbra

Tipi di labbra

Se si considerano il contorno labbra e il corpo del labbro si può facilmente capire come esistano molteplici tipi di labbra di forme considerabili. Tuttavia ci sono alcune categorie comunemente diffuse:

  • labbra fini;
  • labbra carnose;
  • labbra estese;
  • labbra ritenute;
  • labbra rotonde;
  • labbra arcuate;

Generalmente il rapporto dimensionale, che rispetta i canoni estetici, è di 1/3 per il labbro superiore e 2/3 per quello inferiore.

Immagini labbra